Escursioni delle Grotte Marine La Grotta Sfondata, la Grotta dei Contrabbandieri, la Grotta Viola... ogni grotta con il proprio nome
Ricerca Veloce

La Grotte Marine di Vieste

Per i turisti amanti del bello, meta obbligatoria sono le escursioni alle grotte marine di Vieste. Si estendono lungo la costa meridionale da Vieste a Mattinata, con la possibilità di visite ed escursioni quotidiane con potenti ma agili motobarche: le escursioni elle grotte sono mattutine e pomeridiane. Così dopo aver sostano in un hotel a Vieste basta recarsi al porto.

Ogni grotta ha un nome e con esso una storia narrata dagli stessi accompagnatori durante le escursioni alle grotte. La prima grotta che si visita, situata alla punta della Testa del Gargano, è la Grotta dei Contrabbandieri. Ha due entrate, una sul lato nord l'altra a sud. Il suo nome è indicativo dell'episodio narrato dai pescatori. Infatti al calar della sera alcuni contrabbandieri, inseguiti dalla Guardia di Finanza, si erano rifugiati all'interno della grotta.

La presenza dei due sbocchi era ignara ai finanzieri che attesero l'alba per concludere la loro operazione; e con grande sorpresa non trovarono più i contrabbandieri all'interno della grotta perché fuggirono attraverso l'altra uscita durante la notte, favoriti dal buio. Non molto distanti sono presenti alcuni agriturismi di Vieste, visibili anche dal mare.

Continuando l'escursione alle grotte di Vieste vi è la Piccola Grotta Campana, che deve il suo nome alla somiglianza interna con le grandi campane delle chiese.

Grotta dei Contrabbandieri: alcuni contrabbandieri, inseguiti dalla Guardia di Finanza, si erano rifugiati all'interno

Presso la Baia di Campi ci sono ben tre meravigliose grotte da visitare: la Grotta Viola, che deve il suo nome alle sfumature viola delle proprie pareti, (anche se alcuni marinai affermano di percepire un incomprensibile tepore durante l'inverno, e ciò spiega perché molti chiamano questa stessa grotta col nome di Grotta Calda);la Grotta Sfondata, così chiamata perché è priva di un "tetto": manca della sua parete superiore che consente al caldo sole estivo di portare luce al suo interno e di far brillare il suo mare di un azzurro cristallino. Chiude la bella triade la Grotta Due Occhi, questa volta la sommità della grotta è caratterizzata dalla presenza di due grandi buchi, che formano appunto i due "occhi" della grotta circondati da alberi e arbusti che sfidano presuntuosi le leggi della fisica.

Proseguendo, a Cala Sanguinaria, c’è la Grotta dei Colombi, così chiamata proprio perché in passato era abitata dai colombi. Dirigendoci verso le la costa di Mattinata, l'escursione alle grotte ci portano a Pugnochiuso, complesso di residence a Vieste molto famoso. Qui troviamo altre due grotte lunghe: la Grotta dei Marmi, perché le sue pareti sono lisce e lucide proprio come il marmo; e la Grotta delle Sirene, donne irreali sognate da molti uomini.

Grotta Sfondata: così chiamata perché è priva di un tetto

Continuando troviamo la Grotta Due Stanze, composta per l'appunto da due stanze comunicanti tra loro per via di due fori sulle pareti. Poi ci sono la Grotta Tavolozza, che deve il suo nome alle tinte variopinte delle sue pareti, la Grotta dei Sogni e la Grotta Campana Grande.

E poi come non ricordare il rosso dei bei tramonti e il rosa delle albe da guardare almeno una volta in riva al mare? E ciò non che si può rappresentare con i colori? Il vento di Vieste, desiderio di ogni windsurfista e di ogni velista, soddisfa i numerosi amanti di questi bei sport acquatici.

Il nostro iter prosegue ancora verso le altre grotte situate nel territorio di Mattinata, come la Grotta Serpente, la Grotta Girotondo, la Grotta delle Finestre e la Grotta Occhio Magico....

I nostri consigli per le escursioni

SPAZIO DISPONIBILE

Questo spazio può essere tuo, contattaci. Essere in cima conta!

SPAZIO DISPONIBILE

Anche questo spazio può essere tuo, contattaci.

A PHP Error was encountered

Severity: Core Warning

Message: PHP Startup: Unable to load dynamic library '/opt/plesk/php/5.4/lib/php/modules/imagick.so' - /opt/plesk/php/5.4/lib/php/modules/imagick.so: cannot open shared object file: No such file or directory

Filename: Unknown

Line Number: 0

Backtrace: